Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

il software ideale per iniziare ad usare il kanban elettronico

Managers e Imprese suggeriscono come fare

il software per l'analisi tecnico-economica del magazzino

 
lean thinking

Gli Strumenti Lean nell’ottica del miglioramento

kanban kaizenIl miglioramento in Azienda può realizzarsi attraverso due modalità:

  • Discontinua (Kakushin: determina un salto significativo della prestazione di un processo aziendale e si ottiene per innovazione tecnologica, sostituzione di impianti e/o attrezzature, utilizzo una tantum di risorse esterne;
  • richiede: investimenti finanziari, know how avanzato, coinvolgimento di pochi
  • Continua (Kaizen): determina un salto graduale e conseguito nel tempo della prestazione di un processo aziendale e si ottiene per ottimizzazione del processo, riduzione della difettosità, responsabilizzazione dell’operatore;
  • richiede: nessun costo per investimenti, know how convenzionale ma applicato con metodo, coinvolgimento di tutti
    E’ in particolare in questa seconda ottica che si inquadra l’approccio medotologico del Lean Thinking, integrandosi alla filosofia Kaizen del miglioramento continuo diffuso e utilizzando strumenti quali:
  • 5S
  • Gestione a vista dei materiali (supermarket, kanban)
  • SMED
  • Autonomous Maintenance
  • PDCA
  • CEDAC
  • SPC

La parola giapponese Kaizen significa letteralmente “miglioramento”. Il Kaizen è prima di tutto una matrice comportamentale e in quanto tale investe non solo gli aspetti della metodologia produttiva ma anche l’addestramento e la preparazione dell’intero staff aziendale coinvolto nel processo di cambiamento, dal top management agli operai.

I 10 principi chiave del Kaizen sono:

  1. Sbarazzati dei concetti tradizionali (anche sui metodi di produzione)
  2. Pensa a come il nuovo metodo funzionerà e non a come non funzionerà
  3. Non accettare le scuse. Dì di no allo status quo
  4. Non ricercare la perfezione. Un tasso di implementazione del 60% va bene ma va fatto subito
  5. Correggi gli errori nel momento in cui li trovi
  6. Non spendere molti soldi per migliorare. Pensa con creatività prima dell’investimento
  7. I problemi ti danno l’opportunità di utilizzare il tuo cervello
  8. Chiediti sempre perché almeno 5 volte per trovare la vera causa dei problemi (root cause)
  9. Le idee di 10 persone sono migliori di quelle di una persona.
  10. I miglioramenti non hanno limiti. Non smettere di fare Kaizen

L’approccio metodologico è dunque indubbiamente pragmatico, mirato da una parte alla risoluzione dei problemi, nel momento e nel luogo in cui si verificano, dall’altra alla semplificazione dei processi con l’eliminazione di tutto ciò che è spreco.

Applicare Kaizen in azienda significa far emergere non solo le competenze ma anche il buon senso e la capacità di problem solving di ogni singola risorsa che concorre al raggiungimento dell’obiettivo comune di creare il valore realmente percepito come tale dal cliente: ciò per cui è disposto a pagare un corrispettivo.